Menu
Modelli Porsche
Menu

"Mai, prima d'ora, si erano raggiunte prestazioni di questi livelli."

Questo è il secondo incontro tra la leggenda del rally Walter Röhrl e la Porsche Taycan. Poco prima di salire al volante, appariva teso almeno quanto gli ingegneri che lo avrebbero accompagnato; tuttavia, presto la sua tensione sarebbe svanita. La newsroom la porterà in un esclusivo test drive.

Il suo primo viaggio sulla nuova Taycan risale a qualche mese fa. Solo un breve giro, che però ha lasciato il segno, sia al team di sviluppo che quella volta lo aveva ascoltato attentamente, sia allo stesso Walter Röhrl: "È un momento eccitante, i progressi avanzano a un ritmo folle. Sono davvero curioso di vedere cosa è cambiato rispetto all'ultima volta."

Non appena il team si è messo in moto dal cancello dello stabilimento del Centro Sviluppo Porsche di Weissach, la Taycan nera, ancora camuffata, è quasi scomparsa dalla vista. La Cayenne del team addetto alle riprese ha notevoli difficoltà a tenere il passo ed è subito chiaro a tutti che Walter fa davvero sul serio: vuole testare la vettura.

Qualche chilometro dopo, lo ritroviamo in un parcheggio immerso nel bosco, dove si è fermato per lasciarci recuperare: il suo sguardo la dice lunga.

[+]

Walter Röhrl: "La Taycan corre talmente bene, è davvero fantastica."

Qual è la prima impressione?
È pazzesco, non ho provato simili performance neanche in tutti i miei anni di rally. La Taycan corre talmente bene, è davvero fantastica.

Qual è la sensazione di guida al volante della Porsche Taycan?
Sono sorpreso: il suo peso elevato non si nota quasi più. Gli ingegneri hanno trovato un'ottima armonia e ne hanno sfruttato al meglio il baricentro ribassato. La guida è perfettamente fluida, sia in sterzata che in frenata.

Dove ha ritrovato il DNA tipico Porsche?
Anche se avessi guidato con gli occhi bendati, avrei saputo immediatamente di essere alla guida di una Porsche. Dall'armonia alla sensazione di guida, sino ai freni che, a causa della combinazione tra recupero energia e freno convenzionale sono molto più difficili da regolare, tutto è perfetto. Proprio ciò che ci aspetta da una Porsche.

[+]

La leggenda del rally tesse le lodi della nuova Taycan

Intanto nel parcheggio, oltre a Robert Meier, capo progetto responsabile per l'intera vettura, alla discussione con Röhrl si è unito anche Ingo Albers, responsabile del telaio della nuova Taycan. Gli elogi espressi dalla leggenda del rally nel corso dell'intervista li rende visibilmente orgogliosi, tuttavia, durante il confronto prestano attenzione a ogni minimo dettaglio. Oltre alla risposta dei freni, vengono subito affrontati anche argomenti generali quali il raffreddamento del gruppo batteria, lo scambio di energia per il riscaldamento dell'abitacolo e la potenza termica media per i più disparati profili di guida.

È evidente che Walter Röhrl si è informato in modo critico in ambito di elettromobilità e ha quindi molte domande per il team. Tuttavia è anche sorpreso dalle numerose risposte convincenti ricevute già oggi, ovvero molto prima del lancio sul mercato, e di quanto il prodotto lo abbia convinto sin da questa fase di sviluppo.

[+]

In soli quattro minuti la Taycan si ricarica per un'autonomia di ben 100 chilometri.

Cosa la colpisce maggiormente della Taycan?
Mi ha sorpreso il fatto di aver sentito appena la mancanza del rombo del motore. Non avrei mai pensato che la sua assenza non avrebbe comportato alcuna perdita: al contrario, il silenzio qui nella Taycan è davvero molto piacevole e, a modo suo, un'esperienza completamente nuova.

Qual è la differenza principale tra la Taycan e l'esperienza di guida convenzionale?
Senza dubbio, le prestazioni. Non ho mai provato una potenza simile neanche nelle mie auto da rally più spericolate. È propria questa disponibilità immediata, questa reazione spontanea, che mi dona ogni volta un grande piacere alla guida.

Dove vede ulteriore spazio di sviluppo ai fini della produzione di serie?
Nell'auto in sé, non molto, perché ha già raggiunto un livello elevatissimo. A mio parere, tuttavia, si dovrebbe accelerare un po' sulle infrastrutture, perché alla colonna di ricarica impazzisco se trovo qualcuno davanti a me e devo aspettare.

Il fatto che l'architettura a 800 Volt della nuova Taycan, con una potenza di carica fino a 350 kW, sia in linea con le sue aspettative, lo stupisce piacevolmente. Se in quattro minuti di ricarica riesce infatti a raggiungere fino a 100 chilometri di autonomia, percorrendo quindi lunghe distanze senza lunghe pause per ricaricare, allora l'elettromobilità diventa interessante anche per lui.

Il presente articolo è stato pubblicato per la prima volta suhttp://newsroom.porsche.com, 14/01/2019.

Altri articoli

Porsche Il mito Porsche nell'era dell'elettromobilità
Il mito Porsche nell'era dell'elettromobilità
Desert Testing
Assembly
Porsche Le proporzioni della Taycan sono uniche
Le proporzioni della Taycan sono uniche